Persuadere con l’uso della parola [Video]

persuasione content marketing
Avvicinare nuovi clienti al tuo business non significa “tirarli o spingerli” contro la loro volontà.
Eppure online i contenuti creati dalle aziende producono spesso questo effetto. Il risultato è facile da prevedere: clienti che si allontanano.

Per avvicinare in modo naturale nuovi clienti con il Content Marketing devi rispettare un equilibrio molto sottile tra informazione, offerta e valore percepito… Non semplice, ma indispensabile per vincere la sfida del marketing online.

Ne parlo brevemente in questo video.

3 modi di comunicare online con i contenuti

Queste in sintesi le 3 macro categorie in cui si collocano i contenuti delle aziende.

1. Fai un favore a me
La maggior parte dei contenuti hanno quel sapore di elemosina che non puoi nascondere nemmeno sforzandoti. Suona tutto come un “metti un Like se ti è piaciuto, condividi se ti è piaciuto, aiutaci con un poke, basta un tuo piccolo aiuto…”.
Una volta avrei detto che si trattava di un approccio vincente vista la sua diffusione e la costanza con cui viene utilizzato.
Oggi invece sono consapevole di patologie come l’autolesionismo che portano le persone a farsi del male deliberatamente. Qui decisamente i contenuti non stanno lavorando bene, non convertono con questo approccio.

2. Ti faccio un favore
La seconda variante di comunicazione consiste in un approccio che lascia sottointendere quanto l’azienda sia misericordiosa “ti regaliamo l’IVA, ribassi, bonus extra, garanzia raddoppiata” e altra roba che ti tirano dietro cercando di sottolineare che non approfittarne è da fessi. Funziona un pelo meglio della prima opzione, ma è davvero dura e a lungo andare non ti aiuta certo a diventare la risposta alle domande delle persone.

3. Fai un favore a te stesso
Qui si fa Content Marketing.
Quando i contenuti portano l’utente a comprendere che è nel suo interesse compiere una determinata azione le cose funzionano molto bene.
In pratica non chiedi l’elemosina, non concedi favori, ma trasferisci informazioni che l’utente non aveva e che gli permettono di fare ciò che è nel suo interesse.
Per questo agisce senza che tu debba pregarlo e questo anche se la cosa richiede di superare alcune difficoltà (come mettersi in coda anche se deve aspettare molto, pagare un prezzo più alto, fare qualche Km in più ecc).

In questo caso ciò che gli trasferisci non è la motivazione per dire “sì, lo compro”, ma quella per dire “sì, ne ho bisogno”.

Libri suggeriti per comunicare meglio

Nel video suggerisco il libro “Manuale di Retorica” di Bice Mortara Garavelli. Lo faccio perché oltre a tutte le importanti competenze del web marketing, sono i pilastri della buona comunicazione quelli che possono fare la differenza anche online.

→ Ne parlo nel mio ultimo libro dedicato al marketing di contenuti [Scarica l’anteprima QUI]

The following two tabs change content below.
Papà di Matilde e Ludovico. Aiuto aziende e professionisti a creare e utilizzare i contenuti come strumento di marketing online.

Parla alla tua mente

*